Il Consorzio per la Sanità trentina
Il progetto NOT

Il progetto NOT

Il 13 agosto 2012 scadevano i termini per la presentazione delle offerte per la gara di appalto indetta dalla Provincia autonoma di Trento per la realizzazione e la gestione del Nuovo Ospedale del Trentino (NOT).

Il bando di gara prevedeva di affidare in project finanacing alla cordata vincente sia la parte costruttiva sia la gestione dei servizi necessari all’Ospedale con un contratto da 40 milioni di euro all’anno per 25 anni. Un contratto dal duplice e reciproco vantaggio: per l’Azienda sanitaria, poter contare su un’erogazione di servizi integrata, efficiente e stabile nel tempo; per le imprese incaricate e i loro dipendenti, la possibilità di valorizzare esperienze e know how con una prospettiva di lungo respiro.

Realizzare e gestire il NOT sarebbe stato il primo ambizioso obiettivo con cui il Consorzio SST intendeva confrontarsi. Ha infatti presentato la propria offerta in Associazione temporanea di impresa (A.T.I.) con altri due primari partner di levatura nazionale e internazionale: Impregilo SpA, capofila dell’A.T.I. con il 51%, e Itinera SpA con il 24,50%.

La pluriennale esperienza di Impregilo e Itinera e il contributo del Consorzio SST hanno consentito di presentare una proposta progettuale esemplare in termini di qualità strutturale, architettonica, costruttiva, impiantistica e gestionale, che rispondeva pienamente all’obiettivo di offrire al Trentino una struttura sanitaria d’eccellenza, tecnologicamente all’avanguardia ma al contempo vicina al fruitore.

Per dar vita ad un progetto, l’A.T.I. s’è avvalsa della consulenza di consolidate realtà internazionali e locali: numerosi studi trentini di progettazione tecnica che hanno operato sotto la guida dello Studio Altieri di Thiene e un nutrito gruppo di consulenti tra cui spicca il colosso multinazionale dell’health technology & asset medical management VAMED di Vienna.

Attualmente (fine 2015) la gara risulta bloccata a causa di problemi tecnico-amministrativi e giudiziari.

Approfondimenti

I Soci del Consorzio

  • alt text

    Gianluca Zanivan, Amministratore Delegato PVB Solutions.
    La questione energetica, nei suoi risvolti ambientali ma anche politici ed economici, è un tratto distintivo dell’epoca attuale. 

    Il passaggio da un modello di sviluppo fondato sullo sfruttamento incontrollato delle risorse ad un modello più sostenibile e attento ai delicati equilibri del Pianeta è ormai imprescindibile. Quando si tratta di realizzare e gestire strutture pubbliche complesse e delicate come il Nuovo Ospedale del Trentino, l’obiettivo primario è certamente quello di renderle funzionali alle necessità degli operatori sanitari e confortevoli per gli utenti. Entrambe queste esigenze devono tuttavia essere soddisfatte prestando la necessaria attenzione a tutti quegli accorgimenti tecnologici e strumentali che consentono di gestire nel tempo la struttura in modo efficiente e sostenibile.

    Un elevato standard nella qualità della gestione energetica è importante quanto la qualità costruttiva. PVB Solutions ha scelto di impegnarsi nel Consorzio SST e nella gara per il NOT perché, con la sua esperienza, può dare un contributo significativo alla qualità della manutenzione e della gestione energetica del Nuovo Polo Ospedaliero del Trentino.

    Chiudi

  • alt text

    Christoph Kasslatter, Amministratore Delegato Markas: «In Italia, nei bilanci delle Amministrazioni pubbliche la Sanità impegna una fetta più che consistente delle risorse a disposizione. 

    In un momento di forte revisione della spesa pubblica come quello che stiamo attraversando, è quindi più che attuale portare avanti una politica oculata della spesa sanitaria. Ciò non significa, tuttavia, giocare al ribasso sui costi (scelta quanto mai rischiosa quando in gioco ci sono la salute e la sicurezza dei cittadini), ma saper individuare soluzioni organizzative, tecniche e gestionali che garantiscano al sistema la massima efficienza. Ferma restando un’erogazione di massimo livello delle prestazioni al cittadino, la qualità e l’efficienza oggi vanno messe in campo a tutto tondo: nella progettazione architettonica, nei materiali, nella gestione dei servizi a supporto dell’attività dei sanitari.

    Per un’azienda ospedaliera i servizi di pulizia, sanificazione e ristorazione sono tra i più onerosi. Programmarli in modo integrato, efficiente e puntuale è ciò che intendiamo fare per il Nuovo Ospedale del Trentino, convinti che il nostro punto di forza, la Qualità, non sia solo una scelta aziendale responsabile, ma un modo per contribuire in maniera rilevante al buon funzionamento di una struttura a servizio della collettività».

    Chiudi

  • alt text

    Alessio Miorelli, Amministratore Miorelli Service: «Un’impresa familiare, pur crescendo in maniera significativa ed estendendo la propria attività in tutto il Paese, ha la possibilità di dare alla propria azione un’impronta personale, coniugando la produttività con scelte etiche legate ai valori tradizionali. 

    Miorelli Service è questo: un’impresa di servizi in rapida espansione, che mantiene ben saldo il timone di una politica aziendale costantemente ancorata alla soddisfazione del cliente, al rispetto dell’ambiente, alla sicurezza dei lavoratori. Un impegno esplicito, comunicato all’interno e all’esterno dell’azienda, ad operare sistematicamente con metodi efficienti e trasparenti al fine di garantire un sistema di gestione socialmente ed economicamente sostenibile».

    Questo modo di essere, unito ad una flessibilità organizzativa elevata e all’impiego di attrezzature tecnologicamente avanzate, ogni giorno registra l’apprezzamento delle molteplici realtà in cui Miorelli opera: complessi amministrativi, scolastici, sportivi, ricreativi, musei, alberghi, industrie, parchi e altre aree. L’impegno di Miorelli Service nel Consorzio SST è di mettere i propri valori, aziendali e familiari, anche al servizio di una struttura complessa e cruciale come il futuro Ospedale del Trentino.

    Chiudi

  • alt text

    Andrea Gardumi, Direttore AMS Srl e divisione AMS GTS – Gestione Tecnologie Sanitarie: «La realizzazione di un’opera quale il Nuovo Polo Ospedaliero del Trentino rappresenta un’opportunità unica per un’azienda che opera da anni nel settore sanitario. 

    È per questo che abbiamo deciso di metterci in gioco, consapevoli che la sfida ci trova ben preparati. La nostra realtà basa le proprie radici nella fornitura di beni al servizio della Sanità trentina. Abbiamo sempre creduto nella qualità delle nostre prestazioni: la salute è un bene prezioso e noi ci impegniamo affinché venga tutelata nel migliore dei modi.

    La manutenzione del prezioso parco apparecchiature medicali dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento richiede capacità e competenza, continuo aggiornamento del personale tecnico ed elevati standard qualitativi: essendo in possesso di questi requisiti, desideriamo offrire contributi fattivi al futuro del Nuovo Ospedale».

    Chiudi

  • alt text

    Fausto Manzana, Amministratore Unico Gruppo GPI: «L’alleanza tra le Aziende integrate nel Gruppo si concretizza in capacità di esprimere al meglio le competenze distintive messe a fattor comune. 

    La profonda e articolata conoscenza dell’universo ICT, maturata in oltre 20 anni di esperienza in ambito socio sanitario, ci rende interlocutore attento alle problematiche di questo settore e ci consente di qualificare il nostro ruolo offrendo servizi di progettazione, sviluppo e consulenza mirati.

    Il Nuovo Ospedale del Trentino è un’occasione per offrire al nostro territorio un contributo di valore: il coordinamento dei servizi ICT, dalla dotazione hardware, all’automazione della logistica del farmaco, passando per la progettazione e realizzazione dell’infrastruttura tecnologica di comunicazione.

    La capacità di governare la complessità nella specificità è un fattore critico di successo per chi è chiamato ad operare in quest’ambito. Lo scenario attuale, che da un lato auspica la nascita di un ospedale intelligente che metta al centro il cittadino/paziente, e dall’altro fa i conti con evidenti esigenze di controllo della spesa, rende il ruolo dell’ICT determinante. Il Gruppo GPI accoglie la sfida».

    Chiudi

  • alt text

    Stefano Mellina,  Amministratore Delegato Famas System: «L’uomo modifica il mondo per adattarlo alle sue esigenze di vita: abitare, lavorare, muoversi, creare benessere e sviluppo. 

    Il territorio si trasforma in un insieme sempre più complesso di interfacce tecnologiche che consentono di “sentirne il polso” e di fornire servizi in tempo reale. Un dialogo costante che permette di conoscere e proteggere l’ambiente, cercare nuove soluzioni per il futuro, migliorare la nostra vita. Il Nuovo Ospedale del Trentino sarà una struttura d’avanguardia, che deve innanzitutto rispondere ad elevate aspettative sul piano delle prestazioni sanitarie. La debita attenzione va tuttavia dedicata anche ai servizi di supporto alla struttura che permettono al cittadino di accedervi con facilità. Tutti sanno quanto sia fastidioso, soprattutto se si è di fretta per far visita a un proprio caro, perdere tempo nell’estenuante ricerca del parcheggio.

    Il contributo che Famas System può offrire in questo senso non è certo marginale: impegnata da anni nel settore, ha la possibilità di dotare il Nuovo Ospedale della città di tutte le tecnologie più avanzate per indirizzare gli utenti verso la struttura e per gestire la sosta in modo intuitivo, rapido ed efficace».

    Chiudi